top of page

5 modi in cui la Teologia del Patto si applica alla vita di ogni giorno

La nostra famiglia frequenta la Christ Covenant Church, la Chiesa del Patto di Cristo. La scuola che organizza incontri nel nostro campus, e che è un ministero della nostra chiesa, di chiama Covenant Day School, la Scuola del Giorno del Patto. Il nostro college denominazionale, così come il seminario, si chiama Covenant, il Patto. Eppure, tantissime persone, anche coloro che frequentano simili chiese o istituzioni accademiche, non capiscono il significato della Teologia del Patto e, di conseguenza, non ne capiscono l’importanza per la vita di ogni giorno. Così, voglio darvi cinque motivi per cui la Teologia del Patto è significativa per la nostra vita quotidiana, e spero vi aiutino anche a raggiungere una migliore comprensione della Teologia del Patto in generale.


1. La Teologia del Patto ci ricorda di una promessa perfetta


Quando qualcuno infrange una promessa che ci aveva fatto e ci sentiamo confusi, forse devastati, la Teologia del Patto ci ricorda che Qualcuno ci ha fatto una promessa ben migliore. Non avremmo mai potuto avere una relazione con Dio, il nostro creatore; incredibilmente, però, Egli ha allungato la Sua mano verso di noi attraverso il Suo Patto. Ha promesso: “Camminerò tra di voi, sarò vostro Dio e voi sarete mio popolo” (Le 26.12). Forse oggi potete sentirvi schiacciati dal peso di una promessa spezzata, ma consolatevi, cari credenti: Dio ci ha scelti in Cristo affinché fossimo il Suo popolo, e Lui mantiene sempre le Sue promesse.


2. La Teologia del Patto ci ricorda che la Bibbia è un libro vivente


Quando siamo tentati a lasciare che altri libri, al di fuori della Parola di Dio, guidino le nostre vite, la Teologia del Patto ci ricorda che la Bibbia è molto meglio. Ci rivela il quadro generale di chi sia Dio e di chi siamo noi. Attraverso la Sua Parola ci rivela il nostro bisogno (che vediamo nel Patto d’Opere) e la Sua perfetta risposta (che vediamo nel Patto di Grazia). La Parola di Dio ci rivela delle “meraviglie” (Sl 119.18). Le Sua parole sono “parole pure” (Sl 12.6). Rende testimonianza di Cristo (Gv 5.39). Ha il potere di ristorare l’anima (Sl 19.7). Dà consolazione al popolo di Dio (Ro 15.4). Il Suo autore è Dio, ed è “ispirata da Dio e utile a insegnare, a riprendere, a correggere, a educare alla giustizia, perché l'uomo di Dio sia completo e ben preparato per ogni opera buona” (2Ti 3.16-17).


3. La Teologia del Patto ci ricorda che Cristo è al centro della nostra storia


Quando siamo tentati di credere che la nostra sofferenza, il nostro peccato o il nostro servizio sia l’essenza di ciò che siamo, la Teologia del Patto ci ricorda che è Cristo a trovarsi al centro della nostra storia personale, così come della storia della redenzione. Nel compiere il Patto di Redenzione, Cristo ha acquistato la redenzione stabilita dal Padre e applicata dallo Spirito (vedi Gv 17.1-26; Ef 1.3-14; Eb 13.20). Egli è il secondo Adamo, che ha portato la vita invece della morte (Ro 5.12-21). Egli è l’ultimo Noè che ha salvato il Suo popolo sulla croce (Cl 2.12-15). Egli è l’ultimo Abraamo, in cui tutte le famiglie della terra sono benedette (Ef 2.11-22). Egli è il profeta superiore a Mosè (Eb 3.1-6). Egli è l’ultimo Davide, che regna in perfetta giustizia e rettitudine (At 2.25-36). Inoltre, Egli ha definito la Sua morte in termini pattuali (Lu 22.20), rivelando di essere il compimento del nuovo patto, che è il punto culminante del Patto di Grazia.


4. La Teologia del Patto ci ricorda delle implicazioni della grazia gratuita di Dio


Quando siamo tentati di credere che le nostre buone opere possano aggiungere qualcosa alla nostra salvezza, o che il nostro peccato ci possa escludere da essa, la Teologia del Patto ci ricorda che la giustificazione e l’adozione sono atti della grazia gratuita di Dio, e che la santificazione è opera della grazia gratuita di Dio (vedi le domande 33,34,35 del Catechismo Minore di Westminster in fondo). Tutti meritano l’ira di Dio (Ef 2.1-3), ma Dio è “ricco in misericordia” e ama e salva il Suo popolo per grazia (Ef 2.4-5). Questa salvezza non è una possibilità, ma una certezza (Ef 2.6-7). La chiamata di Dio è efficace perché il Suo proposito è la nostra salvezza (Ef 2.8-9); quindi, possiamo essere certi che Dio porterà a termine l’opera di salvezza che ha iniziato in noi (Ef 2.10; Fl 1.6). Questo non ci permette in alcun modo di essere pigri da una parte, o legalisti dall’altra. Piuttosto, ci permette di impegnarci a “cercare la pace con tutti e la santificazione, senza la quale nessuno vedrà il Signore” (Eb 12.14).


5. La Teologia del Patto ci ricorda che i credenti fanno parte di una comunità


Se siamo tentati a pensare di poter vivere una vita segnata dall’individualismo, la Teologia del Patto ci ricorda che i credenti fanno parte di un altro tipo di comunità. Quando siamo salvati, entriamo a far parte della famiglia di Dio. In questa comunità, ci serviamo l’un l’altro con i doni spirituali che Cristo ci ha dato (Ef 4.7-8). Siamo chiamati a crescere insieme, a camminare nella verità, nell’amore, nella lice, e nella saggezza (Ef 4.25; 5.1-5, 8-9, 16-21). Siamo chiamati a riunirci per adorare nel Giorno del Signore (Eb 10.25). Riconoscendo che Cristo è il Re, e che la Sua presenza è con noi, dobbiamo “fare discepoli tutti i popoli” (Mt 28.18-20). Nel farlo, dobbiamo puntare il nostro sguardo verso la città che verrà, la nuova Gerusalemme, in cui vedremo il volto del nostro amato Sposo, godremo delle benedizioni spirituali che sono nostre in Cristo, celebreremo la consumazione delle promesse di Dio, e resteremo al fianco di genti di ogni tribù, lingua e nazione per adorare l’Agnello di Dio per sempre (Ap 22.1-5).



La Teologia del Patto è di immenso beneficio quotidiano perché punta al Vangelo. Grazie a Cristo, i credenti hanno ricevuto una speranza migliore basata su un Patto migliore, fondato su promesse migliori che garantiscono doni migliori in un posto migliore (Eb 7.19, 22; 8.6; 10.34; 11.16).




Articolo originale: 5 Ways Covenant Theology Applies to Everyday Life, copyright year 2022 by Sarah Ivill, Ligonier Ministries. Used by permission. Tradotto con permesso.



Traduzione italiana Paini Alessia @FedeRiformata.com

Per l’utilizzo degli articoli del nostro sito incoraggiamo i link diretti alla pagina originale. In caso di copia e incolla, per favore, scrivete il sito di provenienza.

11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page