Come riconoscere una setta

Esistono migliaia di religioni al mondo e, ovviamente, non tutte insegnano la verità. Lo stesso Gesù avvertì i Suoi discepoli che dei falsi profeti avrebbero usato il Suo nome, insegnando menzogne, per allontanare le persone dalla verità (Matteo 24.24). Anche l’apostolo Paolo disse che esistevano persone marchiate nella propria coscienza, bugiarde, ispirate da spiriti seduttori (1Timoteo 4.1-2).

Noi chiamiamo sette queste religioni. Non stiamo dicendo che tutti coloro che appartengono ad una setta siano disonesti o malintenzionati. Esistono molte persone sincere cadute vittime dei falsi profeti. Per evitare che la stessa cosa accada anche a noi, dobbiamo essere in grado di distinguere i segni caratteristici delle sette. Nonostante siano numerose, presentano almeno cinque tratti in comune:


1) Hanno altre fonti autorevoli oltre alla Bibbia

Mentre i cristiani ammettono solo la Bibbia come fonte della vera conoscenza di Dio, le sette adottano altre fonti. Alcune hanno forgiato i loro stessi libri; altre accettano rivelazioni dirette da parte di Dio; altre credono che le parole dei loro leader abbiano autorità divina. Altre ancora parlano di nuove rivelazioni date dagli angeli, o dallo stesso Gesù. Nonostante citino ancora la Bibbia, essa ha meno autorità rispetto a queste rivelazioni.


2) Sminuiscono la persona di Cristo

Nonostante molte sette parlino bene di Gesù Cristo, non lo considerano vero Dio e vero uomo, né lo accettano come unico Salvatore dell’umanità. Lo riducono ad un uomo buono, un uomo divinizzato, uno spirito perfezionato da numerose incarnazioni, o ad una delle numerose manifestazioni di Dio, simile a Buddha o Maometto. Spesso, le sette collocano altre persone al posto di Cristo, che adorano e in cui confidano.


3) Le sette insegnano la salvezza per opere

Questa è una caratteristica universale di tutte le sette. Credendo che l’uomo sia intrinsecamente buono e in grado di fare ciò che è necessario per salvare la propria anima, predicano che si possano accumulare meriti e arrivare a meritare il perdono di Dio per mezzo delle buone opere praticate in questo mondo. Nonostante le sette appaiano molto diverse esternamente, questa idea le accomuna. Alcune parlano di fede, ma sempre come un atto umano meritevole. In questo si allontanano radicalmente dall’insegnamento biblico della salvezza per grazia mediante la fede.


4) Le sette sono esclusiviste per quanto riguarda la salvezza

Predicano che solo i membri del loro gruppo religioso possano salvarsi. Mentre i cristiani riconoscono che la salvezza è data a qualsiasi persona che si ravveda dei propri peccati e creda in Gesù Cristo come unico Signore e Salvatore (indipendentemente dalla denominazione religiosa), le sette insegnano che non esista salvezza al di fuori della loro comunità.


5) Le sette si considerano il gruppo fedele degli ultimi tempi

Insegnano di aver ricevuto qualche tipo di insegnamento segreto che Dio aveva tenuto da parte per i suoi fedeli per la fine del mondo. È interessante come cresca, ogni volta che si avvicina la fine di un millennio, il numero di sette che affermano di essere il gruppo fedele tenuto in serbo da Dio per gli ultimi giorni dell’umanità.


Possiamo e abbiamo il dovere di aiutare le persone che sono cadute vittime di una setta. Nella Lettera di Giacomo, c’è scritto che dobbiamo tentare di recuperare coloro che si sono sviati dalla verità (Giacomo 5.19-20). Per questo noi, in primis, dobbiamo conoscere profondamente la nostra Bibbia, così come le dottrine fondamentali del cristianesimo. Oltre a questo, dobbiamo vivere una vita di preghiera, in comunione con Cristo, per ricevere da Lui potere, amore e moderazione.


Rev. Augustus Nicodemus

Pastore della Prima Chiesa Presbiteriana di Goiania, vice-presidente del Supremo Concilio della Chiesa Presbiteriana del Brasile e Presidente della Giunta di Educazione Teologica della IPB.

Articolo originale: https://voltemosaoevangelho.com/blog/2020/09/duvidas-que-tenho-sobre-os-liberais/ Traduzione italiana Paini Alessia @FedeRiformata.com

Per l’utilizzo degli articoli del nostro sito incoraggiamo i link diretti alla pagina originale. In caso di copia e incolla, per favore, scrivete il sito di provenienza.

37 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti