Ascoltare la Parola di Dio in chiesa

Se la vita spirituale dipende solo dalla Parola di Dio (Is 55.10-11; Ro 10.17; Gm 1.21; 1P 1.23), perché non possiamo saltare la chiesa ed impegnarci semplicemente a studiare la Bibbia? Pensate a quanto tempo guadagnereste, senza parlare delle difficoltà che nascono con le altre persone.


Ancora meglio: perché non scaricare i tre migliori podcast cristiani della settimana e ascoltarli? Probabilmente sono migliori del Pastore Bob che predica in fondo alla strada, Amen?


Penso che molti cristiani non siano proprio d’accordo con questi consigli. Eppure, il fatto che ci aspettiamo così poco dai pastori per quanto riguarda l'esposizione biblica, che sono pochi i preziosi secondi che dedichiamo alla lettura della Bibbia negli incontri settimanali, che raramente andiamo a letto presto il Sabato per prestare più attenzione al sermone della domenica, suggerisce che non comprendiamo appieno lo stretto legame tra l’ascolto della Parola in chiesa e la nostra crescita spirituale come cristiani.


Tanto per iniziare, la Parola di Dio crea la chiesa, non singoli cristiani: crea un gruppo di credenti che sono uniti da un patto in Dio, in fede, in battesimo e in remissione dei peccati. “Quelli che accettarono la sua parola furono battezzati; e in quel giorno furono aggiunte a loro circa tremila persone” (At 2.38,41; 4.4; 6.7). In realtà, la Parola di Dio crea chiese locali. Unisce me, voi, agli altri cristiani, e la chiesa locale è il posto in cui dimostriamo e mettiamo in pratica la nostra unità derivante dalla Parola.


Capirete, dunque, che sia la comprensione che la messa in pratica della Parola funzionano meglio in un contesto di appartenenza alla chiesa. Ecco sette ragioni per cui la nostra crescita dovrebbe basarsi sull’ascolto della Parola di Dio nel contesto della chiesa locale:


1. PER OBBEDIRE

L’autore di Ebrei dice ai suoi lettori: “Facciamo attenzione gli uni agli altri per incitarci all'amore e alle buone opere, non abbandonando la nostra comune adunanza come alcuni sono soliti fare, ma esortandoci a vicenda” (Eb 10.24-25). In che modo possiamo fare attenzione ed esortarci gli uni agli altri? Con la Parola di Dio. È ciò che avveniva nella chiesa primitiva – si riuniva per l’ascolto e l’incoraggiamento dei membri: “Ed erano perseveranti nell'ascoltare l'insegnamento degli apostoli e nella comunione fraterna” (At 2.42).


2. PER RICEVERE I DONI DI CRISTO

Paolo ci dice che, dopo la Sua ascesa, Cristo fece il dono di pastori ed insegnanti alla Sua chiesa (Ef 4.8-11). Gli anziani sono i doni di Cristo. Sono regali migliori di quelli che potete trovare sotto l’albero, poiché essi possono edificare voi e i vostri fratelli e sorelle in Cristo fino a raggiungere la maturità spirituale, l’unità e la somiglianza a Cristo (vv. 12-14). Pensateci bene: Gesù ci ha amato tanto da prendere un gruppo di uomini per il colletto, allontanarli dalle loro carriere, e dire loro di dedicare le proprie vite a servire voi e i vostri amici cristiani studiando la Bibbia e spiegandovela – ogni settimana. Non è incredibile? E anche se il famoso ministro del podcast è un predicatore migliore, non conosce la tua congregazione, e non può applicare a te la Parola come fa, invece, Bob.


3. PER UN’ILLUSTRAZIONE VIVA DELLA PAROLA

Paolo scrive: “Siate miei imitatori, fratelli, e guardate quelli che camminano secondo l'esempio che avete in noi” (Fl 3.17; 2Ti 3.10-11). Paolo vuole che i cristiani abbiano sia le parole che un esempio vivo di quelle parole. Abbiamo bisogno della comunità cristiana intorno a noi per avere un’illustrazione del messaggio. I ministri, in particolar modo, devono stare attenti alla propria vita e ai propri insegnamenti.


4. PER LE AMICIZIE DATE DA DIO

Imitiamo e seguiamo i nostri amici, ci adattiamo al loro modo di parlare e alle loro abitudini. Compriamo quello che comprano, cresciamo i nostri figli con i loro consigli, preghiamo come loro. Gli amici hanno sicuramente valore fuori dalla chiesa, ma gli amici appartenenti alla stessa chiesa avranno la stessa formazione basata sulla Parola, e questo darà loro l’opportunità di estendere quel ministero più attentamente nelle vite gli uni degli altri nel corso della settimana.


5. PER IMPARARE COME ALLINEARE I NOSTRI CUORI AL CUORE DI DIO MEDIANTE LA MUSICA

Cantare è una delle attività durante le quali Dio prende i nostri cuori e allinea le nostre emozioni e i nostri affetti ai Suoi. Dunque, le canzoni della chiesa non dovrebbero contenere altro che le parole, le parafrasi o le verità della Scrittura. Le chiese cantano insieme perché questo ci aiuta a vedere come siano condivise le lodi, le confessioni e le risoluzioni dei nostri cuori. Non siamo soli.


6. PER IMPARARE A PREGARE

Proprio come Dio allinea i nostri cuori e le nostre emozioni alla Sua Parola mediante la musica, ci insegna anche ad allineare il nostro volere e le nostre ambizioni alla Sua Parola mediante la preghiera. Possiamo imparare a pregare biblicamente ascoltando cristiani più esperti che pregano. La preghiera del cristiano diventa sempre più conforme alle intenzioni della Parola di Dio. Dunque, adoreremo, confesseremo, ringrazieremo e chiederemo quelle cose che la Bibbia ci rivela.


7. PER I NON CREDENTI E IL VANGELO

Chiedete a qualsiasi non cristiano che abbia frequentato uno degli incontri della chiesa cos’abbia visto e (si spera) risponderà che la Parola di Dio è stata discussa, e forse che ne è rimasto convinto (vedi 1Co 14.24). Paolo ricorda ai Galati che avevano ricevuto il Vangelo quando Cristo era stato rappresentato crocifisso mediante la predicazione (Ga 3.1). Le riunioni basate sulla Parola sono il luogo in cui Dio ha creato un’ambasciata tra le nazioni per dichiarare: “Gesù è il Signore: andate a Lui.”


Ascoltate, dunque, con attenzione, la domenica. Prendete appunti. Discutete il messaggio con la vostra famiglia quando tornate a casa. Fate sì che le vostre preghiere siano guidate dal punto principale della predicazione per il resto della settimana. Incoraggiate i più anziani nella preghiera e, infine, ringraziate Dio per la Sua Parola, per la Sua chiesa, e per i Suoi ministri. Che doni incredibili.


Dr. Jonathan Leeman

Direttore editoriale di 9Marks, autore del libro Church Membership: How the World Knows Who Represents Jesus.


Articolo originale: Listening to God’s Word in the Church, copyright year 2013 by Jonathan Leeman, Ligonier Ministries. Used by permission. Tradotto con permesso.


Traduzione italiana Paini Alessia @FedeRiformata.com

Per l’utilizzo degli articoli del nostro sito incoraggiamo i link diretti alla pagina originale. In caso di copia e incolla, per favore, scrivete il sito di provenienza.

18 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti